8, 9, 10 settembre 2017: Piccolo Festival della Paesologia a Lozzo (Val Veddasca).

Porte aperte sulla Valle e il suo futuro, sedie messe lì per so-stare, artisti e geografi e fotografi e abitanti del paese. Tutti ci metteranno qualcosa. Faremo festa ai balconi, agli orti, alle cantine che diventeranno piccoli palcoscenici, alle erbe dei prati intorno, all'acqua delle fontanine, alle salite e alle discese..

In molti, in questi giorni di preparativi, ci chiedono "perchè lo fate?"

 Allora, troviamo la risposta nelle parole di questa breve storia..

 "Accontentiamoci di riparare poche cose. Poche cose, è già molto.

Una cosa sola riparata ne cambia altre mille.

In che modo?

Il cane laggiù è legato a una catena troppo corta. Cambiala, allungala. Così riuscirà a raggiungere l'ombra e a distendersi, e smetterà di abbaiare. E il silenzio ricorderà alla madre che desiderava un canarino nella gabbia in cucina. E sentendo cantare il canarino, stirerà un altro po'. E con indosso una camicia stirata di fresco, il padre sentirà meno dolore alle spalle quando andrà al lavoro. E così, quando tornerà a casa, di tanto in tanto scherzerà, come faceva un tempo, con la filgia adolescente. E la figlia cambierà idea e una sera deciderà di portare a casa, solo per questa volta, il suo innamorato. E un'altra sera il padre proporrà al giovane di andare a pesca insieme.. Chi mai al mondo può saperlo?

Tu intanto, allunga la catena." (da: "Qui, dove ci incontriamo" di J. Berger)

 

mappa Lozzo Ambrogio IMG 3825